pulpettopazzo di nev… di formaggio! (sempre seguendo quella pasticciona di una cometina!)

ancora una ricettina per la raccolta SPECIALE

E chi l’ha detto che in piena estate non si puo’ fare un pupazzo di neve??! chi l’ha detto!? … Niente è impossibile se c’è una cometina pasticciona che ci guida… niente impossibile se la causa è così BUONA… e allora rieccomi… con una ricettina velocina velocina…. “che a noi un polpettone come lo fai, ci piace” (a noi piccoli golosastri… che stavolta però non cucinano… si accontentano di attendere con ansia la cena!)…
e noi stavolta… lo facciamo nello stampo …. e fila in forno! 😀

Ingredienti (per 3 piccoli polpettoncini… ovvio, dipende dalla dimensione degli stampi!)
300 gr di macinato di vitello
1 fetta di mortadella
mollica di pane ammollata nel latte
1 uovo (piccolo)
sale q.b.
un po’ di timo
pangrattato per impanare
Philadelphia e formaggio spalmbile simile
una carota (anche microbica.. ce ne basta un pezzettino!)
pepe nero in chicchi
pepe rosa in chicchi
una scopa (la nostra è una forchettina)
la stellina invece … è sempre quella! 😀

Procedimento
tritare la fetta di mortadella, unirla al macinato, aggiungere la mollica di pane precedentemente ammollata nel latte (dove l’avrà raggiunto per un po’ il bollore), qualche foglina di timo,  sale q.b. aggiungere l’uovo e girare ancora un po’.
Imburrarare gli stampini di silicone, e spolverare bene col pangrattato. mettere il composto negli stampini e coprire di pangrattato. Mettere in forno a 180° per una quindicina di minti (se invece di piccoli pupazzi di neve avrete fatto un megapupazzo o un polpettone unico, dovrete aumentare un po’ il tempo di cottura)

Mentre il pupazzo è in forno lavorare bene il formaggio con le fruste elettriche, aggiungendo sale q.b.

Una volta raggiunto il tempo di cottura, lasciare raffreddare un po’, togliere il pupazzo dallo stampo, mettere il formaggio nella sac a poche e “ricoprire di neve” il pupazzo. Aggiugere un “naso carotina” degli “occhietti di pepe nero” e dei bottoncini di “pepe rosa”… posizionare su un prato di spinaci…. che trall’altro fanno venire una cifra di muscoli…

(Se poi fuori non è ancora natale ma incombe caldo e afa come qua adesso… guardare gli occhi meravigliati del vostro bambino che appena un secondo, e giusto quello, prima di papparsi il polpettone, guarda meravigliato e felice un pupazzo di neve fuoristagione)

P.S. all’occorrenza… abbiamo anche i tRE PingMAGI!!!
olivine nere snocciolate, carotine e rondelle e philadelphìa…. (e fantasia …come dicava Kaori)

Rispondi a colombina Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>